Scegli Categoria
Scegli Produttore
Tracking On-line
Controlla il Tracking della tua spedizione
Integratori. Energia. Prenditi cura dei tuoi capelli Promozioni in corso

Ricerca, ansia di stato e ansia di tratto: la risposta nel cervello

Unitrento: importante riconoscerle per intervenire in modo mirato

L’ansia è un disturbo diffuso. In alcuni si manifesta occasionalmente, in certe particolari situazioni, mentre in altri si presenta come una costante. E spesso l’ansia si accompagna a problemi fisici come mal di schiena, mal di testa, nausea, tachicardia, tremori, difficoltà di respiro, svenimento. Diverse per intensità e durata, appartengono alla famiglia, ampia e variegata, dei disturbi d’ansia perf i quali finora non esistono soluzioni definitive. La ricerca neuroscientifica, però, fa continui progressi per sviluppare nuovi strumenti diagnostici e trattamenti più efficaci. Va in questa direzione lo studio di ricercatori e ricercatrici dell’Università di Trento, appena pubblicato su “Scientific Report”, che aiuta a distinguere tra diverse forme di ansia e a individuare, per ognuna di esse, le soluzioni più adeguate.Il team ha investigato cosa accada nel cervello di persone affette da due delle principali tipologie: ansia di stato (una condizione temporanea) e ansia di tratto (che, invece, è una forma stabile, cronica). Nicola De Pisapia, ricercatore del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Ateneo di Trento e coordinatore scientifico dello studio, spiega la differenza: “Oggi vi sentite particolarmente tesi, mentre di solito siete persone calme e tranquille? In questo caso si parla di ansia di stato. Se invece siete stranamente tranquilli, in contrasto con una generale tendenza al nervosismo, avete ansia di tratto. Quindi, l’ansia di stato riguarda il breve termine, mentre l’ansia di tratto è una caratteristica stabile di una persona”.Dall’esperienza clinica emerge, tra l’altro, che gli individui affetti da ansia di tratto – spiega l’Università di Trento – hanno difficoltà nel gestire situazioni stressanti, sono esposti al rischio di depressione, hanno funzioni cognitive alterate, una minore competitività sociale e una predisposizione a sviluppare disturbi psicopatologici. Riconoscere subito la natura dell’ansia di cui una persona soffre aiuta a scegliere il trattamento più adeguato ed efficace e a evitare che la forma episodica diventi un problema cronico. “Il nostro studio rende evidente quanto sia importante fare in modo che in un individuo l’ansia di stato non si trasformi in ansia di tratto, che è la forma cronicizzata. Una misura di contrasto sono le pratiche per diminuire l’ansia appena si presenta, ad esempio con tecniche di rilassamento, attività motoria e altre iniziative finalizzate a un benessere complessivo della persona” commenta De Pisapia.Lo studio era mirato a una migliore comprensione delle basi neurali dei due tipi di ansia. “Il nostro gruppo di ricerca – racconta De Pisapia – ha dunque osservato e misurato aspetti anatomici e attività a riposo del cervello in più di 40 individui tramite risonanza magnetica. Abbiamo poi correlato queste misurazioni con le variazioni di ansia di stato e di tratto nei partecipanti attraverso questionari standard, utilizzati anche nella pratica clinica. È emerso che gli aspetti più stabili legati all’ansia di tratto sono associati a specifiche configurazioni anatomiche, e dunque fisse, che portano a sviluppare pensieri negativi ripetitivi e incontrollati, mentre gli aspetti temporanei dell’ansia di stato sono correlati alla connettività funzionale del cervello, che è un’attività dinamica”.In altre parole l’ansia di tratto si può ricondurre a degli aspetti anatomici permanenti (nella corteccia mediale prefrontale e anteriore cingolata) a differenza dell’ansia di stato che invece si caratterizza per degli “intoppi” episodici nelle attivazioni cerebrali. Dalla ricerca condotta all’Università di Trento emergono indicazioni anche per la pratica clinica. “In base a ciò che abbiamo osservato – conclude Nicola De Pisapia – un miglioramento della regolazione dell’ansia potrebbe essere ottenuto con la farmacologia e/o con i metodi di neurostimolazione (come Transcranial Magnetic Stimulation o transcranial Direct Current Stimulation) in soggetti con ansia ad alto tratto. Infine, questi risultati possono portare alla creazione di nuovi strumenti diagnostici e trattamenti volti a migliorare i disturbi d’ansia e a fermare l’ansia prima che degeneri nella forma cronica”L’articolo “Trait and state anxiety are mapped differently in the human brain”, pubblicato il 6 luglio 2020 sulla rivista internazionale “Scientific Reports”, è stato scritto da Francesca Saviola e Jorge Jovich (Centro interdipartimentale Mente/Cervello dell’Università di Trento) con Edoardo Pappaianni, Alessandro Grecucci e Nicola De Pisapia (Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento) e con Alessia Monti (Dipartimento di Scienze delle neuroriabilitazione, Casa di cura privata del Policlinico di Milano).
Fonte: askanews.it

Le altre news

SISSA: da team italiano tecnica per rilevare proteina TDP-43 Un test ...
In vista del Natale, tool fruibile da smartphone, tablet e pc Si chia...
Ricerca atenei Catania e Parma e Istituto Tumori Regina Elena di Roma...
Aimo: il covid ha fermato tutto ma la patologia è andata avanti Otto ...
Da AME una guida in 7 punti per una gestione "personalizzata" Le donn...
Segnalati 101 casi fra gennaio e marzo Nessun caso di morbillo in Ita...
No al fai da te. Ascoltare anche consigli del farmacista Si rafforza ...
L'oculista: postura e distanza adeguate e luce solare Tornati sui ban...
Nuovo primato mondiale ricerca pisana su ruolo proteina prionica Rom...
Tra i primi casi in Italia di operazione alla 20ma settimana gravidan...
Studio sull'influenza del metabolismo nella tendenza a dire bugie Ro...
Studio Università Bologna: possibile superare ricordi traumatici Rom...
Per sensibilizzare sulle fragilità ossee Corretto stile di vita e cos...
Unitrento: importante riconoscerle per intervenire in modo mirato L’a...
Parte da Napoli il Network con 16 ospedali in rete L’ arteropatia per...
E' la prima volta in Italia: diagnosi per 6 piccoli Oltre 30mila neon...
Ma aumentano nuovi casi fra i più giovani. Quaderno informativo Aiom ...
L'ad di Teva Italia racconta il mercato italiano degli equivalenti I...
Endocrinologi Ame: meglio intervenire tempestivamente Alopecia andro...
In leggero aumento il numero dei medici obiettori In totale nel 2018...
Dal campo alla tavola. Produzione, commercializzazione e consumo degl...
Piovella: 30 secondi di stop ogni 20 minuti mantiene occhio in forma....
Almeno per gli anziani più fragili. Sbloccare il lockdown indipendent...
Materiali comuni e software gratuito: già in uso in tre strutture. No...
06 6859 2088 il numero per contattare i pediatri dell'Ospedale. Nel p...
Prandini: attenzione perché mancano lavoratori per la raccolta Con l’...
L’emergenza sanitaria globale innescata dalla diffusione del Coronavi...
Fino al 12 giugno in Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte Conf...
"Internalizzazione servizi si interseca con emergenza coronavirus" L...
Rapporto diretto alimentazione-microbiota intestinale-salute. Effett...
Pigmenti rossi, blu e viola presenti in frutta, verdura e cereali. I...
"Il mio telefono", realizzato da Parole O_stili. All’età di 4-10 ann...
Essere iperprotettivi nei confronti dei figli, anche se cresciuti, me...
Cresce in Italia la web-dipendenza negli studenti tra gli 11 e 16 ann...
  ROMA - Ogni giorno di eccessi a tavola, ogni sigaretta, ogni ora di...
Sono stati circa 254.000 gli assuntori di doping in Italia nel 2011 p...
Le multinazionali di cibo, bevande e alcol stanno usando le stesse st...
ROMA - Diversi pazienti interrompono la terapia preventiva cardiovasc...
ROMA - Italiani in buona salute ma con il rischio di perdere il vanta...
Il latte materno contiene oltre 700 specie di batteri diversi. Lo han...
ROMA - Quasi la metà dei medici di medicina generale (il 48,6%) ritie...
La dieta mediterranea riduce del 30% il rischio di attacchi di cuore,...
Seguire un'alimentazione molto “colorata” di rosso e sfumature intens...
Le convinzioni personali influenzano l'apprendimento. Secondo i ricer...

Powered by: Prenofa - Web design: Fulcri srl - Privacy Policy